Nel Museo, inaugurato nel 1952, ubicato nell’area archeologica di Paestum, è possibile ammirare le splendide metope (cioè i pannelli in pietra figurati) del Santuario di Hera alla foce del Sele, i materiali – esiti degli scavi nella città, nei santuari e nelle necropoli – che fino a quel momento erano stati ospitati nell’Antiquarium del settecentesco Palazzo De Maria, accanto alla Basilica Paleocristiana e molti altri materiali rinvenuti durante i nuovi scavi all’Heraion del Sele.

Imperdibile, il pezzo forte del museo, la famosissima Tomba del Tuffatore scoperta nel 1968.

Per info dettagliate, orari di visita e acquisto biglietti clicca qui

Posizione

Recensioni Google

4,6
160 recensioni
  • Francesco Cammarata

    Da Salerno andiamo a Paestum in treno in poco più di mezz'ora. Dalla stazione al sito sono poco meno di 20 minuti di passeggiata. Il sito è bellissimo e si visita comodamente passeggiando in circa 3 ore. Appena fuori ci sono il museo ,(merita) e diversi posti dove mangiare. Diversamente da quello che di può pensare, noi abbiamo trovato un posto di qualità ed economico

  • Michela Cirillo
    Michela Cirillo
    5 mesi fa

    Maestosi templi storici, paestum una delle poche città che detiene un così ricco reperto storico greco. Il musero è accessibilissimo dalla superstrada è ben collegato al centro, è possibile trovarvi in loco diversi locali tipici molti carini e non molto costosi. Noi putroppo non siamo riusciti a visitarlo all'interno a causa dell'ora in cui ci siamo recati ma gia da fuori è possibile notare la maestosità di questi monumenti. Ritornerò sicuramente Ps. Zona non trafficata e molto controllata da vigili

  • Roberto Castellani

    Molto interessante, ospita la "tomba del tuffatore" e non solo. Si possono ammirare, meravigliosi affreschi sulle pareti dei sarcofagi oltre a reperti di assoluto valore sia artistico, che culturale, che storico. Il biglietto di ingresso è compreso con il sito archeologico. Un ulteriore motivo per non perdersi la visita.

  • Roberto Moretti
    Roberto Moretti
    un mese fa

    Info camperisti : Dopo aver lasciato il camper al parcheggio Eolo (dove è possibile anche passare la notte nella zona camper) bisogna percorrere 250 metri per accedere alla biglietteria sulla destra che anche l’accesso al parco archeologico , per il museo bisogna tornare indietro di 150 metri e utilizzare lo stesso biglietto ricevuto. Il piccolo museo al coperto e costituito da due stanze che espone i dipinti tombali e i reperti funerari rinvenuti . Il museo , molto ridotto , sembra essere in fase ristrutturazione .

  • Sky Drones Antonucci

    Paestum, bene protetto DALL'UNESCO, nota come Pesto, città dell'antica Magna Grecia, chiamata dai greci Poseidonia in onore di Poseidone. L'estensione del suo abitato è ben riconoscibile dalle mure greche, poi modificate in epoca lucana e poi romana. Sito archeologico ricco di mistero, le sue strutture maestose, l'anfiteatro e le immense colonne che sorreggono migliaia di anni di devozione a Poseidone, Atena e Era. Impossibile non visitare questo sito archeologico, assolutamente consigliato!

Aggiungi Recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Servizio
Qualità/Prezzo
Posizione
Pulizia

Ora È Chiuso

Orari Di Apertura

  • Lunedì 09:00 - 19:00
  • Martedì 09:00 - 19:00
  • Mercoledì 09:00 - 19:00
  • Giovedì 09:00 - 19:00
  • Venerdì 09:00 - 19:00
  • Sabato 09:00 - 19:00
  • Domenica 09:00 - 19:00

Iscriviti su Agropoli Web Compila il Form qui sotto, verrai ricontattato il prima possibile

Iscriviti su Agropoli Web Compila il Form qui sotto, verrai ricontattato il prima possibile

Grazie!

La richiesta è stata inserita correttamente, ti risponderemo il più presto possibile!

Seguici sui nostri social!

GDPR Cookie Consent with Real Cookie Banner